Cosmesi fai da te

Bagnoschiuma arancio e cannella

Bentornati sul blog! Oggi prepariamo un bagnoschiuma arancio dolce e cannella, delicato e dal profumo inebriante, una vera coccola invernale!

Gli ingredienti del bagnoschiuma arancio e cannella

Quando crei un detergente, devi concentrarti principalmente sui tensioattivi da inserire e sul potere lavante che deve avere il prodotto, che si esprime con la sigla SAL.

Il potere lavante di un detergente è dato dalla moltiplicazione tra i grammi di tensioattivo presente in formula e il suo valore SAL dichiarato nella scheda tecnica del produttore. Se in formula sono presenti più tensioattivi, il SAL finale sarà dato dalla somma dei singoli SAL. Questa ricetta ha un SAL pari a 28,2%.

In questa ricetta trovi:

  • DECYL GLUCOSIDE

Tensioattivo non ionico di origine vegetale, primario o secondario, ottimo potere schiumogeno.

  • COCO GLUCOSIDE & GLICERYL OLEATE

Co-tensioattivo, viene utilizzato come addolcente per migliorare la tolleranza cutanea dei tensioattivi anionici.

  • COCAMIDOPROPYL BETAINA

Tensioattivo anfotero da usare in sinergia con un tensioattivo primario, riduce l’aggressività dei tensioattivi.

  • LAUROYL GLUCOSIDE

Tensioattivo non ionico, primario o secondario, viscoso, schiumogeno, delicato sulla cute.

Tra gli attivi, ho inserito le proteine liquide del grano, sostanza ad azione idratante e addolcente sulla pelle, il GHC, attivo filmante protettivo, ad effetto setoso e l’idrolato di fiori di arancio, dalle proprietà rilassanti, schiarenti, rinfrescante e rigenerante.

Pronti a spignattare?

La ricetta del bagnoschiuma arancio e cannella

Per una corretta lettura delle ricette cosmetiche, ti ricordo che le formulazioni da seguire, di solito vengono divise in fasi, identificate con lettere alfabetiche: A identifica la fase acquosa e tutte le componenti idrofile che dovranno essere disciolte in essa, B identifica la fase oleosa e tutte le componenti lipofile che dovranno essere disciolte, C è la fase che indica gli ingredienti da inserire ad emulsione avvenuta e raffreddata (oli essenziali, alcuni attivi). Tutte le ricette sono espresse in grammi per evitare di mandarti in confusione tra peso e volumi.

Fase A

  • 31,7 g idrolato di arancio
  • 10,5 g glicerina
  • 0,3 g carragenina
  • 0,5 g GHC

Fase B

  • 30 g lauroyl glucoside
  • 5 g betaina
  • 10 g coco glucoside
  • 10 decyl glucoside

Fase C

  • 1 g proteine liquide del grano
  • 1 g conservante cosgard
  • 7 gocce olio essenziale di cannella
  • 7 gocce olio essenziale di arancio dolce

Il procedimento

  1. Pesare i tensioattivi, unirli e metterli da parte
  2. Versare in un contenitore la glicerina e sciogliervi all’interno la carragenina e lasciare riposare qualche minuto
  3. Pesare idrolato e il ghc e unirli
  4. Inserire la miscela di glicerina e carragenina nella fase A o fase acquosa
  5. Versare la fase B nella Fase A, miscelare delicatamente senza minipimer
  6. Aggiungere fragranza, attivi e conservante.
  7. Misurare il ph: deve essere pari a 6,5; nel caso sia maggiore o minore, aggiungere acido lattico o soluzione di soda al 30% e misurare nuovamente, fino a raggiungere il valore desiderato.
  8. Travasare in un flacone e conservare in luogo fresco e asciutto e al riparo da fonti di calore.

Se non sai da dove iniziare…

Puoi sempre partecipare ai miei corsi on line!Per iscriverti, mandami un messaggio su fiordiglicine.home@gmail.com oppure contattami al 346/6160704.

Ti aspetto!

Dott.ssa Ambra Centra

Please follow and like us:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Twitter
Pinterest
Instagram